:::Obbligo posta elettronica certificata:::

La recente conversione in Legge n. 2/2009 del "Decreto anticrisi" n. 185/2008, rappresenta il definitivo via libera ad un'autentica rivoluzione digitale, pertanto l'Ordine non invierà più comunicazioni in forma cartacea agli iscritti.

Le Pubbliche Amministrazioni (Ordini compresi), devono quindi, in ottemperanza al disposto della suddetta Legge dotarsi di casella di posta elettronica certificata (PEC); altrettanto è previsto per tutti i professionisti iscritti agli Albi e Collegi.

L'introduzione della PEC consente risparmi immediati legati all'eliminazione di costi per consumo di carta, buste, stampe, affrancature, spostamenti e archiviazione della documentazione cartacea, con un abbattimento del 90% di tali costi, oltre al vantaggio dell'immediatezza delle comunicazioni in tempo reale.

Le nuove norme riguardano, come detto, anche l'Ordine dei farmacisti e tutti i propri iscritti.

Pertanto, al fine di consentire un corretto invio di tutte le comunicazioni, si invitano tutti i farmacisti in indirizzo a comunicare allo scrivente tempestivamente il proprio indirizzo di posta elettronica certificata (PEC).

Si precisa, comunque, che per quanti non possiedano ancora un indirizzo PEC, l'Ordine sta predisponendo l'acquisto di caselle mail certificate da distribuire gratuitamente a chiunque ne faccia espressa richiesta scritta.

Tuttavia, in caso di mancato riscontro alla presente, l'Ordine non potrà assicurare l'invio di alcuna comunicazione, lettera, circolare, informative ecc., anche per via telematica.

Gli Uffici di segreteria sono in ogni caso a disposizione per ogni ulteriore informazione al riguardo:

(tel. 0835/386294 dalle ore 09,00 alle ore 12,00)

(mail ordinefarm.mt@tin.it 24 ore su 24)

(fax 0835/386294 dalle ore 12,00 alle ore 09,00 in automatico)